3/16/2012

LIBRI: UN VIAGGIO CHIAMATO VITA - BANANA YOSHIMOTO


Per questo venerdì del libro ho scelto di recensire un libro di una delle mie scrittrici preferite "Un viaggio chiamato vita" di Banana Yoshimoto.
Premetto che ho letto quasi tutti  i suoi libri da quando ero adolescente ad oggi e anche il suo modo di scrivere e gli argomenti trattati si sono evoluti insieme a me.
In generale il suo stile è abbastanza malinconico e triste, i suoi romanzi parlano di amore, di amicizia, di maternità, di perdita, insomma affronta molti temi della vita comune raccontandoli con estrema semplicità.
Questo libro però è diverso dagli altri, in questo libro ci apre una parte della sua vita, ci racconta le sue esperienze e per chi ha letto i suoi libri come me, è un libro bellissimo.
E' entusiasmante conoscere le storie che hanno fatto nascere i suoi romanzi!
Inoltre descrive la vita e la cultura giapponese, racconta la loro precisione ed il loro modo di essere, ci proietta in un mondo lontano anni luce dal nostro, ma di cui, in un certo senso  ci sembra di entrare a far parte.

Riporto una parte della descrizione riportata sul libro stesso:

"I pensieri in libertà di Banana Yoshimoto ci accompagnano fino al centro del suo mondo letterario e lungo il nostro personale viaggio della vita, fatto di promesse e incontri, di felicità e stupore, di malinconia e sofferenza. Dalle pagine di questo libro l'autrice ci invita a riappropriarci del nostro tempo e a non perdere mai la fiducia negli altri, perchè quello che rimane, al termine del più difficile dei viaggi, è il riflesso nella nostra memoria di ogni singolo giorno vissuto"


Vi lascio un'altra frase che mi ha colpita molto:


"Un viaggio, per quanto terribile possa essere, nel ricordo si trasforma in qualcosa di meraviglioso"



Ho deciso di recensire questo libro perché mi è tornato alla mente leggendo i post sul Giappone della mia amica-blogger Francesca di TheTravelDiaryBlog. 


Con questo post partecipo al venerdì del libro di HomeMadeMamma.
Ecco il link per acquistare il libro  Un viaggio chiamato vita (I canguri)



Buona lettura!!!


MammaLaura

35 commenti:

  1. E' stata una delle prime che ci ha aperto le porte della letteratura nipponica. Va detto, con gran stile!

    RispondiElimina
  2. Questo libro, che non ho ancora letto, mi sembra meraviglioso ed emozionante ed è sicuramente pieno di insegnamenti di vita.
    Grazie per il post e grazie di cuore per il link al mio blog, sono felicissima di partecipare indirettamente anch'io!!
    Un bacione
    Francesca

    http://thetraveldiaryblog.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' veramente un libro che vale la pena leggere....poi tu che l'hai anche visitato il giappone lo apprezzerai anche di più!
      E' stato un piacere inserire il link magari qualcuno sta progettando un viaggetto da quelle parti e può leggere i tuoi post e vedere le tue foto!!!

      Elimina
    2. Ho inserito il link della tua bella recensione sulla seconda parte di Tokyo! Che bella questa collaborazione tra blogger! :-D
      Bacioni e buon weekend

      Elimina
    3. Grazie Francy!!!si è veramente bello collaborare.....mi piace proprio questo mondo di blogger!!!!
      Un bacione e buon weekend anche a te!!!

      Elimina
  3. Anch'io ho letto quasi tutti i suoi libri, quindi non mi farò mancare questo, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica, grazie per la visita!!!Si merita proprio è un po' diverso dagli altri, per me anche più bello!!!

      Elimina
  4. Ho avuto il periodo Banana Yoshimoto, attratta dalla sua scrittura così semplice e delicata ma allo stesso tempo efficace e affascinata dai racconti di un mondo così diverso dal nostro, a un certo però non sono più riuscita a leggerla troppo malinconia e tristezza nelle sue pagine. Mi sa che l'ho abbondanta per sempre, saranno anni che non apro più un suo libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, i suoi libri sono malinconici e tristi, ma se hai voglia di riprovare, questo è diverso!

      Elimina
  5. Già che adoro il giappone..grazie per le segnalazioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è una terra che mi affascina molto....magari un giorno riusciremo ad andarci....
      prego, grazie a te per essere passata!!

      Elimina
  6. Belle recensione. Mi hai fatto venire voglia di leggerlo.
    Grazie per la segnalazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego, grazie a te per averci fatto visita!!!

      Elimina
  7. Incredibile ma vero io non ho ancora mai letto nulla di Banana Yoshimoto...eppure la consco da anni per lo meno di nome!
    Sapere che tu la apprezzi tanto, cara Laura, mi fa capire che ho perso qualcosa, perciò dovrò colmare la lacuna appena avrò modo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei troppo gentile...così mi emoziono...ti ringrazio tanto per essere passata a trovarci!!!
      Se mai leggerai qualche suo libro fammi sapere cosa ne pensi!!!secondo me questo di cui vi ho parlato oggi può valere la pena!!!
      Un abbraccio!

      Elimina
  8. Io ho letto solo "Kitchen" anni fa quando uscì. Ma il Giappone e gli scrittori giapponesi mi attirano abbastanza. Secondo te posso leggere questo libro subito o è meglio che prima legga gli altri? A me piace leggere i libri di un autore in ordine, perché trovo che anche se non sono collegati ci sia sempre una sorta di "filo" da seguire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti posso dire che questo libro è diverso dagli altri, è quasi un'autobiografia perché lei racconta alcuni momenti della sua vita. E' un libro un po' a se rispetto agli altri, è vero, il filo effettivamente c'è perché avendo letto gli altri libri si capiscono meglio alcuni suoi racconti, però ne ha scritti veramente tanti....concludendo (mi sono un po' dilungata!!) secondo me vale la pena leggerlo ugualmente!!!
      Fammi sapere...

      Elimina
  9. ...di questa autrice ho letto un libro che non mi è piaciuto... ed ho gettato la spugna rispetto all'intenzione di leggere altro di suo. però magari potrei ricredermi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti capisco, anche io se leggo un libro di un autore che non mi piace getto la spugna e lo "cancello", tra l'altro lei ha uno stile abbastanza triste (ti posso dire che di solito leggo libri più allegri!!), questo libro è diverso agli altri...è più allegro, a me ha trasmesso serenità!!!

      Elimina
  10. Ho letto diversi suoi libri, e ne ho apprezzato tanto lo stile quanto il contenuto, compresa la vena malinconica. Questo non l'ho letto. A presto,
    Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michela, grazie per essere passata!!Si di lei bisogna apprezzare la vena malinconica, mi piace molto come scrive!!!

      Elimina
  11. Sai che non ho mai letto niente di Banana Y.?
    quale libro mi consigli per iniziare? i suoi primi libri per avere un'evoluzione di scrittura? grazie!!!
    buon weekend! baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I primi libri sono forse un po' troppo adolescenziali, un altro molto bello forse più in linea con il nostro periodo di mamme è quello in cui è incinta e racconta le emozioni della gravidanza, il titolo è Delfini, se capiti in libreria leggi la trama e prova a vedere se ti può piacere....

      Elimina
  12. Anche io ho letto gran parte dei suoi libri quando ero ragazza anche perchè il suo traduttore (Amitrano) era il mio insegnante di letteratura giapponese

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow, deve essere bello conoscere il traduttore di un libro!!!

      Elimina
  13. Anche io adoro Banana Yoshimoto! Ho letto diversi suoi libri, ma questo non lo conoscevo! Devo rimediare! ^_^
    Ti ringrazio per la segnalazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un piacere!!Grazie a te per la visita!!

      Elimina
  14. Anche io ho letto quasi tutto della Yoshimoto, mi manca giusto questo e "High & Dry Primo amore" ma provvederò presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che questo non l'ho letto nemmeno io, fammi sapere che cosa ne pensi!!!

      Elimina
  15. Adoro l'autrice, anche se la sua malinconia spesso non era proprio adatta al momento (mio) in cui leggevo i suoi libri. Poi mi sono rifiutata di acquistarli proprio per questo, ma se mi dici che questo libro è diverso, me lo segno subito.

    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. effettivamente per me è strano leggere libri così tristi, sono un tipo allegro e amo leggere romanzi "alla Kinsella", ma devo dire che non mi sono mai stancata di leggere i suoi romanzi, non so forse tirano fuori la mia parte malinconica....comunque mi piace anche molto il suo modo di scrivere!!!Se ti capita di andare in libreria, prova a leggere il trafiletto della copertina e vedi se ti può ispirare...secondo me è diverso!!!
      Gr

      Elimina
    2. Grazie per essere passata, grazie a tutte io sono un po' in arretrato!!!

      Elimina
  16. Ho fatto sempre fatica a leggere i libri di Yoshimoto, troppa malinconia, tristezza. Sono sentimenti che mi entrano nelle ossa e faccio fatica a cacciarli. Così, dopo i primi due, non ho più letto nulla.

    Quando vado in libreria me lo rigirerò nelle mani, vediamo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tentar non nuoce, leggi la descrizione della copertina e vedi se ti ispira!!!In caso fammi sapere!!!
      Grazie per la visita!!!

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...